La Cura del Corpo

Adipe Localizzato

Il grasso localizzato è responsabile di inestetismi come pancetta, coulotte e maniglie dell’amore. In questi casi una parte del grasso corporeo si concentra in specifiche regioni che diventano il serbatoio preferenziale di accumulo dei lipidi in eccesso.
Similmente, il termine adiposità localizzata descrive la presenza di un tessuto particolarmente ricco di cellule adipose rispetto alle altre zone del corpo. Questo concetto si contrappone alla cosiddetta “adiposità generalizzata” che indica una distribuzione omogenea del grasso corporeo..

Il grasso localizzato presenta alcune caratteristiche:  

varia in base al sesso
varia in base all’età
varia in base alla percentuale di grasso corporeo
varia in base ai propri geni
varia in relazione alla quantità di attività fisica praticata

ha una maggiore sensibilità nei confronti di determinati ormoni

Trattamenti efficaci con le migliori tecnologie per rimodellare il corpo, armonizzare le forme, per contrastare gli inestetismi della cellulite e le adiposità localizzate.

Cellulite

L’inestetismo comunemente chiamato cellulite, correttamente definita pannicolopatia-edemato-fibro-sclerotica, è una alterazione delle strutture del tessuto connettivo che si manifesta in superficie con aspetto spugnoso e bucherellato della pelle (”a buccia d’arancia” o ”a materasso”) e rigonfiamenti più o meno evidenti.

Questo particolare aspetto del tessuto è causato dall’aumento di volume (ipertrofia) delle cellule adipose. 

La cellulite è una condizione che non ha nulla a che vedere con i concetti di obesità e magrezza. Una donna grassa può infatti non esserne affatto colpita, mentre una donna magra può soffrirne anche in modo importante. E’ vero tuttavia che se si è in soprappeso, eliminando i chili di troppo, si può, almeno in parte, migliorare la situazione.

I tre stadi:

Si possono individuare principalmente tre stadi evolutivi della cellulite, caratterizzati da una progressiva degenerazione del tessuto interessato:
Fase edematosa: è la fase precoce, in cui prevale il ristagno di liquidi a livello tessutale e la cellulite si avverte solo al tatto. Può essere presente gonfiore e pesantezza degli arti inferiori.
Fase fibrosa: a questo livello il problema è più ampio e coinvolge il tessuto adiposo. Già a questo stadio la cellulite è visibile (buccia d’arancia): il ristagno di liquidi e la cattiva circolazione producono un ”rigonfiamento” della cellule di adipe. A questo punto si formano piccoli noduli e il tessuto connettivo di sostegno perde elasticità e diventa più rigido.
Fase sclerotica: è il risultato finale del processo di degenerazione tessutale. A questo stadio i noduli risultano induriti e dolenti. La pelle presenta avvallamenti e gonfiori evidenti, che le conferiscono l’aspetto ”a materasso”.

Tonificazione

ALTA TECNOLOGIA PER UNA NUOVA GIOVINEZZA

Metodica studiata per trattare le aree delicate e atoniche come il seno, andando a stimolare la produzione di elastina e collagene, restituendo così turgore, contrastando la perdita di volume causata da fattori come la gravidanza l’allattamento e la perdita di peso…Trattamenti efficaci con le migliori tecnologie per rimodellare il corpo, armonizzare le forme, per contrastare gli inestetismi della cellulite e le adiposità localizzate

 Lifting Seno

 

Il Seno:

Il seno, il décolleté e le braccia sono nel corpo femminile tra le zone che per prime esprimono sintomi di rilassamento ed atonia.Per quanto riguarda il seno, tra i fattori che ne determinano il rilassamento e lo svuotamento e la comparsa di smagliature, ricorderemo soprattutto gravidanza ed allattamento, perdite di peso troppo drastiche e rapide, disordini ormonali.

Ha come muscolatura di sostegno soltanto i muscoli pettorali situati nella zona soprastante. La zona mammaria, quindi è una delle parti del corpo femminile più esposta al problema del rilassamento muscolo-cutaneo. Il décolleté è invece una delle zone più esposte ai danni da fotoesposizione e la conseguente degenerazione cutanea si evidenzia precocemente con la comparsa di macchie, cheratosi, disidratazione. Per quanto riguarda la parte interna delle braccia, possiamo notare come gli inestetismi più diffusi siano la presenza di cellulite, svuotamento, rilassamento cutaneo, smagliature.

E’ importante prevenire la comparsa di questi inestetismi o attenuarli quando sono già comparsi. Nel campo cosmetico ed estetico esistono oggi numerose formulazioni e trattamenti efficaci.

Smagliature

Le smagliature o strie cutanee (striae cutis distensae) sono delle strisce atrofiche, solitamente parallele e bilaterali, intercalate da cute apparentemente sana. Prediligono il sesso femminile e la nostra razza, cioè quella caucasica, mentre in altre razze – come ad esempio la cinese – sono praticamente sconosciute, il che ci induce a sospettare che nella loro insorgenza entrino in gioco anche fattori genetici predisponenti.

Le smagliature compaiono generalmente in epoca adolescenziale, spesso dopo uno stress meccanico della cute successivo a rapido ingrassamento e/o altrettanto rapido dimagrimento; oppure in gravidanza, solitamente nell’ultimo trimestre. Tuttavia le smagliature possono anche essere dovute a patologie ormonali, soprattutto quelle accompagnate da disordine cortico-surrenalico, e a terapie steroidee protratte nonchè a disordini metabolici di vario tipo, ad iniziare da carenze di vitamine antiossidanti e di flavonoidi.

L’aspetto iniziale delle smagliature è prevalentemente caratterizzato da strie di colore variabile dal rosso vinoso al rosa pallido (striae rubrae), orientate secondo le linee di trazione della cute (linee di Langer), larghe 1 o 2 mm e lunghe anche molti centimetri, solitamente speculari cioè interessanti simmetricamente l’una e l’altra zona del corpo come cosce, braccia, mammelle, fianchi e addome.

Dopo un periodo più o meno lungo, che può durare anche degli anni, le strie assumono una colorazione biancastra translucida o bianco-madreperlacea (striae albae): queste sono delle vere e proprie cicatrici atrofiche caratterizzate da epidermide assottigliata, totalmente priva di annessi (né peli né ghiandole sebacee) e fortemente depressa.

E’ verosimile che alla fase iniziale di striae rubrae caratterizzata da un processo infiammatorio in cui si assiste alla frammentazione delle fibrille di collagene (soprattutto quelle verticali al di sotto della giunzione dermo-epidermica), e alla formazione di infiltrati istiocitari perivascolari a manicotto e alla vasodilatazione capillare, succeda un processo di vero e proprio riparo cicatriziale, le striae albae, in cui l’impalcatura di elastina e di collagene neoformato è deficitaria quali-quantitativamente con accumulo abnorme di glucosaminoglicani e di radicali liberi.

Trattamento preventivo delle smagliature, stimolando la microcircolazione nelle aree danneggiate da questo inestetismo, aumentando la produzione di collagene e favorendo la mimetizzazione delle smagliature levigando e tonificando i tessuti rilassati circostanti.

5250

Clienti Felici

2398

Luoghi Visitati

1295

Eventi Organizzati

2398

Ore Lavorative

TESTIMONIANZE DEI NOSTRI CLIENTI


Dalle lampade, alle cerette e ai massaggi.. Questo é il mio centro estetico per eccellenza. Cordialità, professionalità e simpatia sono i punti forza di questo centro, mix sempre più raro da trovare! E in più tante promozioni e possibilità di acquistare pacchetti personalizzati. Ormai sono una fedelissima!
- Jessica Saponaro De Virgilis
Super in Tutto !!! Ambiente di grande stile ma soprattutto Professionalmente adeguato …lo staff pronto a viziare ogni tuo desiderio …Giusi se non esistesse bisognerebbe inventarla ! Grazie mille a presto L&M ❤ ❤
- Laura Presti Mario Zanella
Chiama
Mappa